“Quando ci ricordiamo che siamo tutti matti, i misteri svaniscono e la vita è spiegata” (Mark Twain)

Questo sito si chiama “La teiera” ma non si occupa di tè.  Si occupa invece delle difficoltà di conciliare la cura di noi stessi – di raddrizzare il legno storto di cui siamo fatti, come lo chiamava Kant – con la cura e l’amore verso le persone che ci circondano. Nel discutere di questo problema, attingiamo all’economia e alla filosofia. Un tema ricorrente della “Teiera” è che diamo tutti troppa importanza a noi stessi e che una visione più realistica del nostro ruolo individuale nella storia dell’universo (ossia, nessuno) può essere di grande aiuto nei problemi pratici della vita. Il nome “La teiera” viene dal fatto che preparare il tè richiede un po’ di tempo. Occorre che l’acqua si scaldi e poi si raffreddi. Si attende. E l’attesa predispone al pensiero. Può essere il momento in cui si rumina rabbiosamente su un torto che si ha appena subito, ma anche quello in cui si riflette con un minimo di distacco sul proprio posto nel mondo.

Sono un ricercatore che si occupa di strategia e sostenibilità aziendali. Mi laureai alla Bocconi in economia aziendale nel 1991 e iniziai subito dopo la carriera universitaria. Fin dall’inizio, mi sono occupato del ruolo delle aziende nella società. Scrissi un paio di libri sulla gestione del rischio (Introduzione al risk management, 1994; Il risk management fra assicurazione e finanza, 1998). Siccome adoravo studiare, mi iscrissi a filosofia alla Statale di Milano e mi laureai nel 2000 con una tesi sulla semantica dei pronomi. Sempre nel 2000, ottenni la “tenure” alla Bocconi. Da allora lavoro lì. Nel 2017 ho ottenuto un Phd in Management Sciences alla Radboud University di Nijmegen, con una tesi sulla responsabilità sociale delle aziende. Qui trovate un elenco delle mie pubblicazioni recenti.

Aprii il mio primo blog nel 2005. Si chiamava Fantastici Quattro. Era il periodo eroico dei blog, prima che arrivasse Facebook e tutto diventasse social. Mi divertii, conobbi persone interessanti, ma abbandonai Fantastici Quattro dopo un paio di anni per dedicarmi di più al mio lavoro. In seguito aprii e chiusi diversi altri blog. Li aprivo quando mi veniva la voglia di scrivere e li chiudevo quando ero sommerso dagli impegni in università. La teiera nacque nel 2010 (inizialmente su Blogspot) ed è sopravvissuta fino ad oggi grazie a una promessa a me stesso di scriverci solo quando ho tempo.

Non sono su Facebook, twitto come @nicolamisani@lateieranet, e il mio account su Instagram è privato (non cercatemi, grazie). Vivo a Milano e se volete contattarmi trovate un indirizzo email in questa pagina.