Le possibilità

È importante ricordare che il successo di una persona nella vita dipende anche dalle possibilità, perché un atleta che ha scoperto le tecniche migliori per allenarsi, e si è spremuto tutti i giorni come un limone, perderà ugualmente la gara se non ha le possibilità atletiche del giamaicano Bolt. Anche nella vita la gente varia nelle possibilità. Uno nasce in una famiglia che lo aiuta, un altro in una famiglia che lo schianta. Uno ha il coraggio dei leoni e l’altro è divorato dalle ansie. È probabile anzi che nella vita le possibilità influiscano più che nell’atletica. Tutto questo per dire che se uno vuole capire qualcosa della vita non dovrebbe ascoltare solo chi ha successo, perché magari chi perde ha i pensieri più validi e interessanti, solo che gli mancavano le possibilità.

Una nevicata coi fiocchi

Io son di quelli che dice una battuta senza ridere, perché mi piace che la gente si accorga da sola che è una battuta. Se glielo segnalo con il fatto che rido, allora si sente tenuta a ridere per farmi una cortesia. Questo modo di fare le battute senza ridere mi è sempre sembrato gentile, poco invadente, ma con l’anno nuovo ho deciso di cambiare.

Immaginiamo per esempio che nevichi molto. Io dico “è una nevicata coi fiocchi”. Prima l’avrei detto come se stessi facendo un’osservazione qualunque, serissimo, accettando il rischio che i presenti non cogliessero la battuta, e poi la conversazione proseguiva per la sua strada. Da quest’anno, invece, quando dico “nevicata coi fiocchi”, l’accompagno con una bella risata, così che la gente, se non ha capito la battuta, si interroga su questa faccenda dei fiocchi, e prima o poi arriva alla meta. E una volta che ci è arrivata, può darsi che la battuta le piaccia, e rida di gusto insieme a me, e questo è un risultato positivo, perché magari altrimenti non si accorgeva e perdeva un’opportunità di divertimento. Oppure la gente la trova una battuta scema e non tanto divertente, ma ride lo stesso, perché sto ridendo io, precisamente per farmi la cortesia, o perché il riso è contagioso, o per un fatto di calcolo sociologico, che uno ride perché ha dedotto che è un momento in cui si ride, che nel caso è un momento che ho deciso io.

Ho fatto questo proposito per l’anno nuovo perché ho pensato che lo scopo di una battuta non è di fare i quiz di intelligenza alla gente, ma di far ridere, e vedete che se uno ride mentre la dice è il modo più sicuro di raggiungere l’obiettivo.